Sabato 26 e domenica 27 gennaio la commedia 'Agostino contro tutti'

 
Andrà in scena stasera alle 21:00 stasera al Teatro Farnese di Gradoli, e in replica domani alle 17:30 presso la sala conferenze del comune di Valentano  la commedia "Agostino contro tutti". La periferia di Roma, come quella di Milano, Napoli e Palermo, nasconde realtà estreme e storie amare come quella dell’operaio Agostino, raccontata da  Massimiliano Bruno (autore e regista, di pellicole quali: Il giorno più bello, Questa notte è ancora nostra,  Maschi contro femmine,  Nessuno mi può giudicare,  Viva l'Italia, Confusi e felici, Beata ignoranza, Io c'è)  che, prendendo spunto da un fatto realmente accaduto, trasformano la singolare vicenda in una metafora paradossale. Un giorno, Agostino esce dal suo appartamento, situato al quarto piano di un palazzone a Tor Bella Monaca: è vestito in giacca e cravatta e insieme a sua moglie sta portando il figlio in chiesa per la prima comunione. Ma quando torna per festeggiare, si accorge che la sua chiave non apre più la porta. Gli hanno occupato casa, o meglio gliel’hanno rubata. E a nulla valgono le sue rimostranze presso le autorità: Agostino non ha nessun titolo per dimostrare che l’appartamento è suo.
 
Come capita abitualmente nelle periferie italiane, dove vige la legge del Far West, il nostro ha dato, a suo tempo, ad un boss di quartiere, una buona uscita a fondo perduto, per prendere possesso di una casa popolare assegnata, negli anni ’70, a un signore ora deceduto, e ormai diventata vero e proprio “bottino di guerra”. Così, Agostino decide di riprendersela a modo suo. Occupa il pianerottolo insieme a tutta la sua famiglia e da quel momento in poi… comincia la sua battaglia personale.
Uno spettacolo pungente, amaro, ironico e con personaggi terribilmente attuali nella loro tragicomicità. Uno spaccato delle quotidiane ingiustizie che, proprio perché al limite del paradosso, diventano anche tanto divertenti. Un personaggio, quello di Agostino, che incarna tutti i personaggi che lo circondano, ad eccezione della sua famiglia, che non potrà mai far parte della massa…forse perché è l’unica cosa sua. L’unica cosa certa. Una regia e una interpretazione, quella di Gianni Pontillo, che esalta la tragicomicità del testo in un gioco scenico di stilizzazioni, condite da un linguaggio semplice, immediato, a volte rozzo come i suoi interpreti, ma sempre rigorosamente vero.
 
IL CAST: Deborah Caroscioli, Antonio Rossi, Susanna Serafini e Davide Grande
 
SABATO ALLE ORE 21,00 TEATRO A. FARNESE DI GRADOLI
 
DOMENICA ALLE ORE 17,30 PRESSO  SALA CONFERENZE COMUNE DI VALENTANO, P.ZZA DELLA VITTORIA  (INTERNO DELLA BIBLIOTECA COMUNALE)
 
PRENOTAZIONI AL 335/7518414
 
 

ematube