Dov'è finito lo stemma di Defuk?

(Quinto Ficari - foto Emanuele Carioti)

MONTEFIASCONE - Dove è finito lo stemma simile alla lapide tombale del leggendario personaggio che riposa in San Flaviano dal 1114?

Sembra di risolvere un giallo, ma crediamo lo sia davvero, o, per lo meno, un mistero. Il concittadino falisco Quinto Ficari, che tutti conosciamo per la sua dote di  scrittore nonché autore di molti interessanti testi storici e approfondimenti inerenti la figura di Johannes Defuk, da diversi anni si pone una domanda: "dove'è lo stemma araldico del personaggio storico che è sepolto nella basilica di San Flaviano? Ce lo siamo chiesti anche noi della redazione, e ad onor del vero, Quinto Ficari non è la prima volta che accende un faro su questo argomento. Sebbene anche sulla sua pagina Facebook "Est! Est!! Est!!! la leggenda di Defuk" abbia scritto molti richiami su questo caso, riteniamo che non gli sia stata data la giusta attenzione, perché il fatto, a nostro giudizio, è passato sotto traccia. 

L'ANTEFATTO

Primavera 2015, il nostro Quinto si reca in San Flaviano per completare gli studi sulla storia del prelato tedesco, in virtù del libro che sta per pubblicare, ma in una delle sue visite si accorge che un reperto, forse il più importante e particolare della casata nobiliare di questo uomo conosciuto come Defuk, non c'è più. Prova a chiedere al parroco, ma non sa dargli una risposta; inizia a fare un giro di perlustrazione nelle immediate vicinanze con la speranza che l'abbiano temporaneamente spostato, magari per motivi di spazio, ma non ottiene nessun risultato. Resosi conto della gravità della situazione, si reca presso la caserma dei Carabinieri di Montefiascone e sporge una denuncia di scomparsa per la lastra in questione. Passa il tempo, ma del bene culturale non vi è traccia. A questo punto ci siamo attivati per dargli una mano, e perché crediamo che  la domanda che si pone Quinto sulla scomparsa di questo oggetto storico sia più che lecita. L'idea è quella di fare da cassa di risonanza, affinché nella malaugurata ipotesi qualcuno lo abbia sottratto illecitamente, non possa immetterlo nel mercato dell'arte clandestino. Siamo forse di fronte a un caso di trafugazione di un bene storico?

GUARDA IL VIDEO GIRATO IN SAN FLAVIANO

 Caterina Berardi

 

ematube