Università Roma Tre e Carabinieri del TPC danno vita al "Laboratorio del falso"

ROMA- L'Università  di Roma Tre e il Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale (TPC) hanno costituito il "Laboratorio del falso”. La notizia è stata divulgata durante la  conferenza stampa che ha avuto luogo lo scorso  mercoledì 11 ottobre, alla presenza del Generale di Brigata Fabrizio Parrulli, Comandante dei Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale e il prof. Mario De Nonno direttore degli studi dipartimentali umanistici dell'Università Roma Tre.

Tale sinergia  istituzionale si pone l'obiettivo dello  sviluppo didattico e della ricerca scientifica nel ramo dei beni culturali, come strumento atto alla sensibilizzazione nonchè alla  cultura della legalità volta al  rafforzamento dell’azione  di contrasto alla contraffazione e commercio delle opere d’arte non autentiche. Considerando l'aumento dei "falsi sequestrati" di 783 unità nello scorso settembre, ammontante al valore di 167milioni di euro, consentendo a queste cifre un costante aumento ed espansione del fenomeno.

Il “Laboratorio del falso”,  sarà operativo all’interno dell’Università, effettueando analisi stilistiche ed esami tecnici sugli artisti maggiormente esposti alla contraffazione, nonchè l’individuazione di possibili corrispondenze tecniche con altri casi in modo da delineare dinamiche, procedure, sistemi per permettere di identificare l'autentico dal contraffatto anche a vantaggio di potenziali acquirenti che potranno avvalersi  di un sistema certificato che gli consentirà di non incorrere in truffe o reati connessi.

Gli eventi si terranno nelle città sedi dei Nuclei TPC e quello conclusivo a Roma, presso la Galleria Nazionale di Arte Moderna alla presenza dei massimi esperti del settore, a livello nazionale.

ematube